Browsing articles tagged with "new tv - Francesco Soro"

A proposito di “toda tv cambia”…

May 30, 2012   //   by Francesco Soro   //   TV & Media  //  1 Comment


via Ooyala

Why just watch when you can feel?

May 18, 2012   //   by Francesco Soro   //   Blog, TV & Media  //  No Comments

“Why just watch when you can feel?”

E’ lo slogan con cui Paul Lee, Entertainment Group President di ABC, ha cercato di riassumere, durante gli Upfronts, la social-strategy del Gruppo.

In Italia – fatta eccezione per qualche caso isolato (Agorà su RAI3, Piazzapulita su La7, L’Ultima parola su RAI2) – siamo ancora un poco indietro. Non si capisce perchè, pur sapendo da tempo che il terreno della sfida si va spostando sull’ “emotional connection”, i network italiani siano così poco attratti dalle potenzialità dei social media.

 

TV: servono bundling e nuove forme di misurazione degli ascolti

May 10, 2012   //   by Francesco Soro   //   TV & Media  //  No Comments

In molti ancora oggi sostengono che il canale televisivo tradizionale, combinato con i video online e la carta stampata, sia fondamentale per gli investimenti pubblicitari. Qualcuno crede, invece, che i quotidiani siano ormai morti e che l’unico fattore chiave sia l’online video. Idee, spunti ma – soprattutto – dati utili sono apparsi oggi su un sito americano. Vi riporto l’articolo di Reelseo di oggi  per intero (Metrics and Bundling Key to TV/Online Video Advertising Convergence)

A lot of advertisers will often focus on a single form of advertising when creating a campaign for a client but it turns out, diversification is more vital than some think. The question is, what are the best combinations of advertising. Some reports in the past have said using TV, online video and print combined works best. Some others, like the one I’ll be talking about today, have suggested that print is dead (not in so many words) and that online video is the key. Now the question remains, should it be paired with display or TV or something else?

 

Methodology

Adap.tv and Digiday did some digging and pulled together some numbers together to give you some insight into where you might want to be spreading your advertising dollars. They polled the Digiday user base and got a cross section of online video users that included; agencies, brands, publishers and ad networks or DSPs. There were 638 respondents and they were incentivized with chances to win conference passes and/or the tablet of their choice.

Here’s the break  down.

 

It was conducted in late March and early April of 2012 from the universe of Digiday subscribers, conference attendees and speakers who themselves represent digital media and marketing professionals.

Video Ads + ?? Are Best

Right out of the gate, almost half of the respondents said that online video advertising should be more aligned with TV over display. But 40% did say that display was the right alignment. The remaining 11% thought it might need to be its own medium and that means it would need to be seen completely differently. I think it’s more like a mixture of TV and display in that it’s interactive like display ads but contains far more content per second of viewing, like TV does. If I had been asked, I would have been hard pressed to say one or the other and might have been in that 11% minority.

However, only 10% stated they believed that online video advertising was a replacement for TV advertising, while 62% said it would complement it. That’s an increase of 6% for the latter from 2011 so it shows that people are starting to see the power of a combined TV/online video campaign.

33%, up from 28% in 2010, said it was neither. The report takes that to mean they believe online video stands alone in the minds of those respondents. They didn’t put the actual wording of the question in the report so it’s hard to know if what those 33% meant was that they’re not doing TV advertising because in the report it says, “their use of online video is more likely to be a complement to TV rather than a replacement for TV.” If they’re not doing TV advertising and the question was “do you feel online video complements or replaces your TV advertising?” then the answer would be neither, right?

One Metric to Rule Them All

Yes, I’ve used that sub-header in the past. When I do that, it generally means there’s an ongoing thread in the industry, and in my mind, which needs to be addressed. For example “When is a View a View?” which I think has been addressed but not really ever formalized. There are probably ten uses or variations of that which I’ve used in the last year.

This time round, it’s once again talking about the unification of TV and online video metrics is a unifying factor. Yet, already this year there have been numerous announcements of just that. It could be that the survey was done before some recent GRP announcements starting trickling out as I think they were mid/late April. In fact, another just slid across my desk today from Brightroll who is offering iGRP measurement for in-flight audience statistics.

Regardless, it’s abundantly clear that a comparable metric is required between TV and online video advertising. I do not believe it should ever be the only metric that is taken into consideration because, as I said before, online video advertising has all manner of other things that make it unique like interactivity, but I do believe that traditional TV advertisers do need a way to compare ROI between TV and online video to truly see the value in the latter.

So then the question remains, what is that one metric to bind them all?

Well there’s the rub. It seems that agencies and brands are sort of split on what that should be. Brands want it to be brand engagement, a full 73% of respondents agreed. However, click through, which I think should be important but requires more tracking because I often accidentally click through a video ad trying to pause a video, etc. is still debated amongst them. Agencies say it’s not at all important while brands placed it third. In fact, they think it so important it topped TV-like metrics.

Screen Convergence Beats Metrics Convergence

Much to my satisfaction is the report’s paragraph on connected TV ad spend. If you read my articles often, you know I have been telling everyone to get their ducks in a row and get their video ads out to connected TVs. Did you all listen? If you did you probably got some good rates and probably had ease of getting inventory. Now, it looks like things are going to heat up in connected TV advertising. Both advertisers and publishers jumped in regards to ad spend and support for connected TVs over last year. A full 20% leap for advertisers and a cool 9% more publishers in fact.

Clearly, there is a group that realizes the power of connected TV. The report seemed mystified over why all these people are moving toward it as an additional 38% said it would be in the plan within 12 months. They suggested Apple TV… I like to think I had a hand in it. Did I? Have you or are you working on connected TV advertising because of ReelSEO?

Alright, enough seeking validation for our work and back to the work at hand.

Ad Spend Sands Shifting

Nearly everyone sees ad spend increasing for online video. Brands, agencies and ad networks were almost unanimously together (93%) in their belief that ad spend for online video would increase around 23%. On top of that, 80% of publishers stated average online video ad CPMS saw increases of 11% and 83% of them said ad fill rates for online video ads was up around 14% on average over last year.

Is TV bundled with online video ads? Pfft… Actually the broadcast and cable companies in the mix were split nearly dead center 52/48 on that with the minority saying they do bundle. This is part of what I see as the problem, the cable companies are still fighting online video, as evidenced by their attempts to push Hulu to require pay TV authentication for users instead of openly embracing it and trying to make the most out of the situation. If they were smart, they would be giving consumers reasons to plug those connected TVs into the network to further expand revenue through advertising. As it stands, around 1-in-5 US households has a connected TV, but most don’t connect it to the Internet.

I think that bundling of online video and TV ads could have far-reaching impact on the industry. When combined with things like real-time bidding ad exchanges and cross-network purchasing it could create a marketplace that premium publishers would want to get involved in. Instead, many of them only do private placements of ads through their own ad sales force. If they were able to get top dollar for their inventory through an ad network and RTB exchange they might be willing to loosen up the restrictions on using them. That’s something that the online video ad network industry needs to address but there are numerous other problems that would need to be addressed as well.

Some video ad networks are working on things to help increase ad bundling and metrics convergence already and that’s a step in the right direction. I think that getting major publishers on board and believing they can get top dollar for their inventory through an exchange or ad network is going to be vital to continued growth and might even be the linchpin in bundling TV and online video one day.

Ofcom: il collega inglese di Calabrò interviene sul tema “new tv” ad un convegno

Jan 25, 2012   //   by Francesco Soro   //   TV & Media  //  No Comments

Ieri Ed Richards, il Chief Executive dell’Ofcom (l’equivalente britannica della nostra AgCom) è intervenuto ad un convegno – l’Oxford Media Convention – sul tema della new tv, affrontando le opportunità e i rischi legati al nuovo mercato di cui l’authority si dovrà (e vorrà) farsi carico. Idee davvero molto stimolanti.

Vi riporto alcuni estratti. Il discorso è poi interamente consultabile qui.

I want to suggest that the regulatory status quo may not give viewers the protections and assurances they expect in a world of superfast broadband networks, fixed and mobile, delivering content live and on demand and online through connected TVs.

 

With so much more content delivered to out TVs, there will inevitably be greater risk in relation to harmful content. With the greater freedom and access comes an erosion of the mechanisms we have historically used to protect audiences.

 

For future regulation to work, it will have to be capable of adapting to the more fluid boundaries of digital media in contrast to the relatively fixed and separate silos of printing presses, TV transmitters and telecoms networks.

 

…the task for government, regulators and industry to provide clear information, education and a framework of personal responsibility through which individuals and families can exercise informed choice.

When something looks, feels and acts like TV, but is delivered over the internet and into people’s living rooms, we need something that meets audiences’ expectations and provides the right degree of reassurance.

Il consumo di streaming nella catch up tv, nei motori di ricerca e nei social network

Nov 15, 2011   //   by Francesco Soro   //   Blog, Pubblicazioni  //  No Comments

Articolo pubblicato su Next Tv del 15/11/2011

Risultati a sorpresa nell’ultima edizione del rapporto trimestrale di Brightcove e TubeMogul sullo stato dell’industria dell’online video. Nei dati pubblicati due giorni fa, relativi al periodo Gennaio/Giugno 2011, emergono infatti due inattese linee di tendenza: Google, inteso come motore di ricerca, riallunga il suo già immenso distacco sui social network come strumento #1 per cercare video in streaming, mentre i contenuti di lunga durata, dai 20 minuti in su (ad esempio episodi completi di telefilm ospitati on demand sulle piattaforme di catch up TV) incollano allo schermo di pc e tablet i navigatori in maniera più efficace delle clip brevi.

Ma partiamo dai meccanismi di discovery, ovvero come si scoprono i filmati disponibili online. In base alle ricerche – condotte su un campione degli 85.000 siti in 50 nazioni affiliati al circuito di video cloud gestito da Brightcove e dei 200.000 iscritti al servizio di analisi del traffico video di Tubemogul – Google rimane con ampio margine il tramite più usato per individuare cosa è visibile in streaming, oltre il 60% delle volte si arriva “a destinazione” passando attraverso i suoi campi di ricerca. Addirittura Google ha incremento del 3,7% i cosiddetti referral generati, mentre Facebook, dopo un 2010 in progressiva ascesa, mostra per la prima volta segni di declino, scendendo sotto il 10%.

 

Quali conseguenze trarne? Di sicuro la search engine optimization (SEO), ovvero le numerose tecniche implementate per migliorare il proprio posizionamento nei risultati dei motori di ricerca, sembra conservare una priorità assoluta anche nel segmento video rispetto al social marketing. Per garantirsi views, in parole povere, meglio apparire in alto su Google quando vengono digitate le parole chiave pertinenti che non promozionarsi sui social networkr.

Va notato tuttavia che, una volta scoperto e avviato il contenuto in streaming desiderato, i video “riferiti” da Facebook e Twitter tendono a essere seguiti più a lungo di quelli individuati attraverso Google: più di 2 minuti per clip contro poco meno di 1 minuto e mezzo.

 

A proposito di permanenza media davanti ai monitor, nel secondo trimestre del 2011 la propensione a trattenersi su uno stream senza muovere il mouse è incrementata del 7/11% (a seconda del tipo di clip: si dedica più tempo a quelle dei broadcaster, 3 minuti e 30 secondi per ognuna, di meno a quella delle riviste online, appena 1 minuto e 15 secondi l’una).

In crescita anche i tassi di completamento, in particolare per i video legati alla categoria “brand”, ovvero videoportali B2B e servizi di e-commerce e/o vetrine commerciali. Con un +3,88% in primavera, i video brandizzati vengono completati 4 volte su 10 e si avvicinano ai video delle emittenti TV, completati nel 47-48% dei casi.

 

In compenso, per i video caricati su Internet dalle emittenti TV, esplode l’interesse verso le clip superiori ai 20 minuti. La loro completion rate è vistosamente maggiore di quella degli estratti brevi. Dunque chi cerca repliche on demand della programmazione televisiva vuole vedere l’intera puntata, non solo sequenze selezionate.

Infine, note sulla distribuzione geografica del consumo di online video. In testa, e stavolta la statistica era prevedibile, americani ed europei.

Il Vecchio Continente supera tutti tra Aprile e Giugno 2011, dedicando in media 4 minuti e 20 secondi per ogni singolo stream dei broadcaster TV, persino più degli internauti USA e più del doppio di quelli giapponesi.

Cinesi, brasiliani e indiani, evidenziati in grigio nel grafico a latere, amano invece la video pubblicità: è loro il primato di fidelizzazione ai video brandizzati, con 2 minuti e 25 secondi per clip, contro i 2 minuti scarsi del blocco angloeuropeo e i 57 secondi dei Paesi che si affacciano sul Pacifico (APAC).


Tablet tv e Tv lineare: analisi delle curve di ascolto

Oct 17, 2011   //   by Francesco Soro   //   Blog, Pubblicazioni  //  No Comments

Articolo pubblicato su Next Tv del 17/10/2011

Appena 3 mesi fa BBC ha lanciato la versione internazionale del suo servizio di catch up TV: l’acclamato, sebbene ancora assai poco imitato, iPlayer. Undici le nazioni, Italia inclusa, dove è possibile accedere in streaming on demand alla programmazione del broadcaster di Sua Maestà la Regina.

Se in patria l’iPlayer è gratuito, in quanto finanziato dal canone, nonchè fruibile da un’ampia congerie di device Internet-connessi, in Europa utilizzarlo costa 7 euro al mese, ma soprattutto è un “lusso” limitato ai possessori di iPad. Per ora i modelli con sistema operativo non-Apple, Android in primis, sono tagliati fuori. Dunque tablet, e non pc o Connected TV con i loro spesso confliggenti standard tecnici, come soluzione universale per espandersi su scala globale.

La centralità assegnata dai dirigenti della British Broadcasting Corporation al ruolo dei tablet nel delineare i nuovi confini digitali del consumo di TV si fonda a onor del vero più su proiezioni statistiche che su consolidate realtà di mercato. A Giugno TMT Research/Deloitte parlava di una penetrazione delle tavolette sul mercato britannico inferiore al 2% della popolazione (contro il 5% negli USA). Possiamo immaginare che nel resto dell’Unione Europea lo scenario sia all’incirca equivalente. Benchè i numeri crescano alla velocità della luce, a ritmi da +80% tra un trimestre e il successivo, con segnali a dir poco ottimistici in arrivo da Cina e India (dove il 35% e il 16% degli internauti ha acquistato un tablet negli ultimi 2 anni), al momento il campione d’indagine della TV su tablet si limita a 500.000 / 750.000 inglesi più qualche migliaio di neo-abbonati d’oltre Manica.

Tuttavia, i dati che affluiscono da questo nucleo di early adopter sono inequivocabili: l’epoca del mono-schermo televisivo è giunta al capolinea. Nella nuova era della TV multischermo le trasmissioni BBC ricevono dagli iPad una significativa spinta in avanti. In particolare i contenuti in diretta.

Secondo quanto ha rivelato nei giorni scorsi Daniel Danker, direttore generale della struttura Video On Demand in BBC, mentre l’accesso all’archivio programmi tramite iPlayer per pc è tendenzialmente asincrono rispetto al palinsesto lineare – ovvero il pubblico usa l’iPlayer su pc di pomeriggio e in seconda serata per recuperare le puntate perse, riservando il proprio tempo nel prime time alla cara, vecchia TV e ai nuovi episodi dei suoi show preferiti – per l’iPlayer su tablet si nota un utilizzo simultaneo e parallelo alla BBC lineare, con punte di ascolti negli stessi orari, tra le 20 e le 23.

In parole povere, i tablet non sono percepiti come uno strumento accessorio di catch up TV nei momenti morti dei canali generalisti, bensì come un’estensione da affiancare alla TV in chiaro di prima serata. Una fascia nella quale entrambi gli apparecchi sono quindi accesi contemporaneamente, con tutto quel che ne consegue in termini di potenziale per applicazioni di Social TV e pubblicità interattiva.

L’abitudine a sovrapporre televisione e tablet è stata confermata da uno studio pubblicato da Nielsen sempre negli ultimi giorni. Secondo il gigante delle rilevazioni dell’audience, il 40% dei proprietari di tablet e smartphone ne fa uso quotidianamente mentre è impegnato a guardare la TV. Nel sotto-insieme dei soli tablet owners si sale addirittura al 70% di regolari del multi-tasking «parecchi giorni a settimana».

In prevalenza le attività sono slegate dal contesto delle trasmissioni in onda. Si controlla l’e-mail (60% degli intervistati da Nielsen) e si navigano siti su altri argomenti (46%), in pari misura durante lo lo show e durante i break commerciali. Un dato sorprendente, quest’ultimo, ma in linea con il concetto di multi-tasking: non c’è separazione netta tra i device, si fanno più cose su più device allo stesso tempo.

Nel 42% dei casi si consultano i social network. Assai più le donne (48%) che gli uomini (35%). E qui già è probabile che i due livelli – quello televisivo e quello online filtrato dal tablet – coincidano. Non è chiaro dai grafici Nielsen quanti, in quel 42%, conversano o leggono conversazioni/messaggi su Twitter e Facebook relative al format che stanno seguendo. Sappiamo però che, a prescindere dai social network, il 29% del pubblico cerca con i tablet informazioni sulla programmazione televisiva, presumibilmente su quello che ha visto a schermo un istante prima.

Elevati anche i numeri di chi usa tablet e smartphone per documentarsi meglio su un prodotto reclamizzato negli spot: il 19% setaccia il web per dettagli sulla merce, il 13% per coupon e sconti vari.

Ma cosa spinge gli utenti ad tenere accesi i propri iPad, Xoom, Transformer e Galaxy Tab vicino al telecomando?

Daniel Danker sottolinea due aspetti: «sono facili da usare e personalizzano la TV. Grazie a loro ci incamminiamo verso una nuova fase nello sviluppo dell’iPlayer. Accanto alla funzione storica di piattaforma per la TV time shifted nel daytime e di notte, la tendenza ad adoperare l’iPlayer sui tablet in prima serata ci motiva a sincronizzare gli spettacoli in onda con applicazioni interattive di accompagnamento. On air e online a braccetto vanno così a creare un’esperienza di intrattenimento unica. Non si partecipa più soltanto il giorno dopo, se capita, sul sito o la Fan Page ufficiale; si partecipa in tempo reale, la sera, prestando attenzione ad almeno due schermi in simultanea».

Crowdfunding: i finanziamenti on line per l’industria audiovisiva

Oct 5, 2011   //   by Francesco Soro   //   Blog, Pubblicazioni  //  No Comments

Articolo pubblicato su Next Tv del 5/10/2011

La leggenda vuole che Sam Raimi, regista di Spider-Man e Drag Me To Hell, tra il 1979 e il 1980 andasse raccattando a destra e manca fondi per il suo futuro capolavoro horror The Evil Dead (La Casa) insieme all’amico di infanzia e futuro attore di culto Bruce Campbell. Per iniziare le riprese i due avevano bisogno di 375.000 dollari. Riuscirono finalmente a completare la raccolta grazie all’aiuto di quattro dentisti con le rispettive mogli. Stando al racconto di Campbell, riuscirono a strappare fiducia e contanti durante una cena, dopo aver proiettato una sorta di anteprima de La Casa (un corto in Super8, Within The Woods, girato nel 1978 con un budget di appena 1.600 dollari).

A quanto pare, uno dei dentisti li finanziò esclamando «vado spesso a Las Vegas a buttare 2.000 dollari; beh, stavolta i miei soldi di Vegas voglio buttarli con il vostro film». Quella volta i 2.000 dollari tornarono indietro al medico-scommettitore moltiplicati per 17.

Nell’epoca del Social Cinema, al posto dei dentisti danarosi e degli assegni per Las Vegas i filmmaker indipendenti hanno a disposizione uno strumento infinitamente più potente: il crowdfunding. Proponendo progetti e ambizioni nelle sezioni tematiche di piattaforme specializzate come Kickstarter o IndieGoGo, legioni di cineasti giovani e meno giovani coronano sogni un tempo impossibili, popolando l’industria di film, documentari, webseries e ogni sorta di audiovisivo auto-prodotto grazie alle donazioni spontanee degli internauti.

La stella di YouTube Freddie Wong ha battuto diversi record poche settimane fa, quando la sua idea di lungometraggio action/comedy, Videogame High School, ha riscosso su Kickstarter 77.000 dollari in 24 ore. Esattamente 2.000 in più dei 75.000 necessari.

Mentre scriviamo queste righe, alla pagina per supportare Videogame High School sono rimasti 16 giorni di vita, in base alle regole del portale. Sebbene l’obiettivo minimo sia stato ottenuto, c’è ancora tempo per aderire all’appello di FreddieW e consentirgli di largheggiare con attrezzature ed effetti speciali. Gli iscritti che hanno confermato il sostegno, carta di credito alla mano, sono già 2.500, per un totale di 126.000 dollari. I contabili di Kickstarter inizieranno a versarli nel conto corrente dello YouTuber il 22 Ottobre, trattenendo per il servizio una commissione del 5%.

Oltre alla soddisfazione di aver partecipato alla creazione di uno dei primi “YouTube movies” della storia, i 2.500 crowd-investitori potranno scaricare il film HD (donazioni fino a 10 dollari), ricevere l’edizione in dvd firmata dall’intero cast (donazioni fino 25 dollari), poster e t-shirt sempre firmati (50 dollari), una consulenza personalizzata per sviluppare il proprio canale YouTube (500 dollari), i credits di produttore associato nei titoli di coda (1.000 dollari) o un video ad hoc di FreddieW vestito da Abramo Lincoln, George Washington o qualsiasi altro padre fondatore degli Stati Uniti a scelta, in segno di ringraziamento per il patriottismo dimostrato nel rendere possibile Videogame High School. Per quest’ultimo bonus promozionale bisognava donare esattamente 1.776 dollari – il 1776 è l’anno della Dichiarazione d’Indipendenza americana – ed era libero un unico slot. Immediatamente assegnato a un anonimo crowd-sponsor.

Se per qualsiasi motivo il pledge, ovvero la domanda di finanziamento, non avesse invece conquistato il target previsto entro il termine previsto, tutti gli impegni assunti sarebbero stati annullati e nessuna somma, neppure simbolica, sarebbe mai stata sottratta dagli account dei “soci” Kickstarter che avevano concesso l’autorizzazione.

Sebbene FreddieW sia un caso limite di successo, la Kickstarter Economy sta progressivamente contagiando tanto orde di aspiranti filmmaker quanto le star di Hollywood (Jon Heder di Napoleon Dynamite ha battuto questa strada neppure 6 mesi fa).

I progetti audiovisivi finanziati sono già 3.500, su oltre 10.000 vincenti in tutte le categorie su cui si declina il servizio, dalle arti all’editoria, dalla moda alla scienza alla musica alle nuove tecnologie. C’è un’intera area, ad esempio, dedicata alla webseries, dove persino progetti di modeste ambizioni come Garg Hunter, il cacciatore di Gargoyle, trovano gli altrettanto modesti fondi (3.026 dollari su 2.500 richiesti) per iniziare le riprese. Il fenomeno è talmente dilagato che online imperversano parodie delle varie campagne di raccolta fondi e graffianti satire.

Le risorse complessivamente generate ammontano a 35 milioni di dollari, di cui 12 per film comici o drammatici, 12 per i documentari, 11 per il segmento cortometraggi e 2 per webseries e animazioni.

Secondo il co-fondatore di Kickstarter, Yancey Strickler, gran parte degli autori di documentari e pellicole indipendenti cercano ormai abitualmente di attrarre almeno una parte di investitori tramite il crowdfunding.

Urbanized, la nuova opera imperniata sul design urbano dell’acclamato regista di Helvetica Gary Hustwit, ha alzato 118.505 dollari del suo budget in questo modo.

Pariah, travolgente trionfo al Sundance Festival 2011 del regista-sceneggiatore esordiente Dee Rees, considerato dalla critica un possibile candidato agli Oscar, ha incassato una sostanziale porzione del suo stringatissimo preventivo – 10.000 dollari per la precisione – dal crowdfunding.

Lo stesso era accaduto quest’inverno alla commedia fantascientifica Iron Sky, del finlandese Timo Vuorensola, beniamino del pubblico web da quando nel 2005 diresse il seminale Fan Movie Star Wreck: In The Pirkinning.

Non sempre è indispensabile giocare alla ruota del crowdfunding tutte le carte. Spesso può bastare quel contributo addizionale che mancava a far quadrare i conti. Nel tempo, inoltre, va crescendo anche il ruolo di Kickstarter come motore di ricerca e scoperta per cinefili generosi.

Elisha Yaffe e il suo partner creativo e produttivo Dan Cohen avevano girato la loro prima webseries, Remember When, con 2.400 dollari recuperati via pledge nel 2010. All’epoca i donatori erano in prevalenza amici e familiari. Per il nuovo progetto, Girl Crazy, si è arrivati a 3.600 dollari su una base di sponsor quasi tripla (95 contro i 32 di Remember When). Il fundrising di Girl Crazy ha potuto contare sull’espansione della base utenti della piattaforma.

Un’altra case history recente legata all’universo webseriale è quella di Jesse Thorn, Per la  seconda stagione del suo Put This On, una fiction digitale dedicata alla sartoria e all’abbigliamento di classe su misura, sono entrati in cassa 70.000 dollari. Serviranno a viaggiare tra Londra, Milano e New York in cerca dei migliori sarti in circolazione. Nel 2009 la puntata pilota di Put This On era stata tra le primissime a beneficiare dell’allora neonata Kickstarter, raccogliendo però solo 4.000 dollari.

«All’inizio il donatore medio era mosso da istinti quasi caritatevoli – spiega Thorn – ma nel tempo ha compreso che il crowdfunding è una transazione finanziare. Non danno più 2 dollari per simpatia, ma 20, 200 o 2.000 per sentirsi azionisti di una start-up, imprenditori virtuali di una nuova forma di show business».

Il Convegno “New Tv vs Vecchia TV” del Corecom Lazio

Jul 10, 2011   //   by Francesco Soro   //   TV & Media  //  No Comments

Il 6 Luglio scorso, presso la Casa del Cinema di Villa Borghese, si è svolto il convegno “Vecchia TV vs Nuova TV” da me voluto e organizzato in qualità di Presidente del Corecom Lazio (qui la locandina dell’evento).

Obiettivo del convegno è stato quello di analizzare, grazie ai preziosi contributi degli oltre 25 relatori intervenuti, lo stato dell’arte nel rapporto tra la televisione tradizionale e i nuovi media nati dal continuo progresso tecnologico.

Fra i tanti ospiti anche: Carlo Freccero, Gina Nieri, Giancarlo Leone, Ilaria D’Amico, Andrea Vianello e Pierluigi Dal Pino

La straordinaria adesione e il successo dell’iniziativa mi confermano che il terreno in Italia è ormai pronto ad accogliere le novità provenienti dall’efficace integrazione tra le esperienze maturate nel passato e le nuove vie offerte solcando l’enorme potenzialità del web 2.0, della rivoluzione digitale e dell’infinita possibilità di moltiplicazione degli schermi e dei contenuti.

Non fusione di media che continuano a rispondere ad esigenze diverse, dunque, ma valorizzazione delle specificità finalizzata ad aumentare con profitto, quantitativo e qualitativo, l’offerta di servizi sempre più customer oriented.

Sul sito del Corecom Lazio sono pubblicati tutti gli atti del convegno e i principali contributi emersi nel corso della giornata. Io vi propongo qui l’intervento di Carlo Freccero.

Debutta Next-tv, portale “in diretta” con la televisione del futuro

Nov 23, 2010   //   by Francesco Soro   //   Media  //  No Comments

“Negli Stati Uniti 8 navigatori su 10 guardano regolarmente video in streaming. E’ una rivoluzione che sta arrivando anche in Italia. Vogliamo dare uno strumento in più per interpretare il mercato: ai giovani che aspirano a fare tv, nuova tv, alle imprese che studiano nuove forme di business e, perché no, anche alla politica in cerca di un rapporto più diretto con i cittadini”. Con queste parole Francesco Soro, presidente dei Corecom italiani e del Corecom Lazio annuncia il lancio sul Web del primo portale italiano sulla Tv del futuro. Dopo alcune settimane di sperimentazione è infatti online Next-Tv (www.next-tv.it), l’iniziativa voluta dal Corecom Lazio con l’obiettivo di diffondere in modo innovativo le informazioni quotidiane.

“L’offerta di un news-site ad aggiornamento quotidiano – spiega Soro – assume una duplice preziosa funzione: fornire uno strumento di lettura analitica di un mercato tanto in rapida evoluzione quanto ancora scarsamente codificato e, al tempo stesso, aggregare intorno a un punto di riferimento web stabile il flusso di dati utili per agire all’interno di questo stesso mercato”.

Su Next-tv c’è tutto quello che serve per orientarsi in un universo che cambia ogni giorno: una sezione dedicata alle fiction sul web, dove ormai si cimentano star del calibro di Meryl Streep, Tom Hanks, Keanu Reeves. Approfondimenti su come la politica utilizza la nuova frontiera della comunicazione ma anche su come la web tv usa la politica. Per gli scettici si consiglia la lettura dell’articolo sullo “Slurpee Unity Tour 2010”, webseries liberamente ispirata dal presidente degli Stati Uniti, Barack Obama.

Sul portale, dunque, si possono trovare tutte Informazioni, dati, analisi per comprendere le potenzialità di questo settore anche dal punto di vista economico e professionale. Informazioni utili in primo luogo ai giovani video maker, montatori, doppiatori, aspiranti giornalisti spesso messi ai margini del sistema televisivo italiano ma, comunque, i candidati numero uno a vivere da protagonisti la stagione della new television.

Fonte: Corriere delle Comunicazioni

Tv del futuro: Decolla l’ibridazione tra broadband e broadcast è la volta della Next Generation Television (NGTv)

May 31, 2010   //   by Francesco Soro   //   Blog, Pubblicazioni  //  No Comments

L’articolo, scritto con il prof. Giandomenico Celata, è pubblicato su Key4Biz del 31/5/2010

L’ibridazione tra broadband e broadcast è ormai decollata. Una spinta decisiva sta venendo dai produttori asiatici e nord americani di elettronica e semiconduttori che hanno imparato molto bene la lezione degli aggregatori di contenuti su Internet e le abitudini di consumo che hanno trascinato. Il risultato sono i nuovi schermi televisivi, ormai sul mercato, che raccolgono immagini in movimento sia dai broadcaster che dai vari YouTube . Altre novità verranno dai sistemi operativi come Google Tv che aspirano ad essere una sorta di Window per le Tv. Sulla stessa strada è Apple.

La si potrebbe chiamare New Generation Television, sulla falsariga del Next Generation Network dei telefonici, cui è indissolubilmente legata.

All’appello mancano gli italiani. A suo tempo, infatti, distruggemmo la nostra elettronica ritardando di circa dieci anni l’introduzione del colore. E’ storia passata ma pesante, allora per i livelli occupazionali, oggi per l’assenza di ogni prospettiva nel settore. Ed è, senza mezzi termini, il prezzo che il nostro Paese ha dovuto pagare agli interessi più diversi, alcuni nobili altri meno, ma che comunque ben rappresentano l’asimmetria tra i nostri decisori politici ed economici e l’innovazione. Tutto ciò è esiziale in un contesto in cui la velocità con cui si colgono le tendenze e con cui si assumono i rischi d’impresa è decisiva.

 La vexata questio tra chi vincerà tra monitor del PC e schermo televisivo è superata nel senso che sono assolutamente complementari e si distinguono solo per modalità di fruizione del consumo del contenuto. Tema su cui ci sarebbe molto da riflettere. Ovviamente rapidamente. Nel frattempo, gli schermi su cui si possono fruire audiovisivi si sono moltiplicati e investono ormai le game console e i device mobili. Le connessioni sono indifferentemente sia wired che wireless.

 Ma quali contenuti per questi nuovi schermi? Tutto e di più: quelli ammanniti dai broadcaster, quelli del cinema, quelli degli  user generated content nelle varie forme, in continuo divenire e sempre più preziose in termini di ideazione. Così come avviene per la moda, anche per la televisione è l’ora dei trend setter, capaci di individuare nell’emisfero web le nuove tendenze dai prosumer e dai fandom.

 In questo contesto, qualcuno avverte il disagio tra l’attenzione mostrata verso il digitale terrestre e tutto ciò che sta avvenendo. E’ un errore: il passaggio al digitale è ineluttabile, piuttosto bisognerebbe mordersi le mani per chi l’ha ritardato e per chi non l’ha accompagnato come era necessario. E’ il dato, inesorabile, che ci arriva dalla percentuale (10-20%) di criticità riscontrate nella cittadinanza e, soprattutto, dalle recenti e animate discussioni sul piano nazionale delle frequenze e sull’LCN, l’ancora irrisolta questione del posizionamento delle emittenti sul telecomando. Per tacere, su un altro piano, delle difficoltà, economiche e non, che sta incontrando la diffusione della banda larga.

Ma tant’è. A questo punto il problema è come l’industria televisiva e l’industria dei contenuti devono affrontare questo nuovo scenario. Con la non trascurabile peculiarità, tutta italiana, del futuro che aspetta le oltre 500 televisioni locali.

 I principali operatori televisivi, sia pur con qualche ritardo, sembrano aver preso le misure. Alla RAI va riconosciuto il merito di percorrere i nuovi tracciati digitali con una certa forza e innovatività. Tanto è stata sprovveduta all’avvio del digitale terrestre presentandosi alle audience con canali importanti ma fuori contesto della televisione lineare, tanto sta recuperando su questo terreno quanto perduto all’inizio. La sua offerta ha audience superiori a quelle dei concorrenti. Ma l’aspetto più rilevante  è quanto sta guadagnando in termini di esposizione sul web. RAI.TV  è certamente una forte innovazione. Peccato non sia stata costruita come l’iPlayer della BBC, pensato e realizzato in un’ottica client e multipiattaforma. Questo approccio tecnologico impedisce a RAI, per adesso, di mettersi al timone di un progetto come Canvas (altra creatura, stavolta non esclusiva, di BBC), che in Gran Bretagna mette assieme broadcaster, telco, produttori di tecnologie e di contenuti, per lo sviluppo di uno standard comune per la distribuzione telematica di contenuti video, trasmessi direttamente sulle TV.

 C’è quindi ancora un salto generazionale da fare. Sul modello di business RAI potrebbe poi riflettere su quanto sta facendo France Television senza nulla togliere ai suoi vincoli di servizio pubblico. L’apparente ritardo di Mediaset rispetto a quanto sta facendo Rai non deve invece trarre in inganno: esso va probabilmente imputato alla sovrapposizione degli investitori pubblicitari in un mercato, come quello italiano, che non è così avanzato sia in termini economici che di comprensione dei new media. Il che vale a dire che, non appena risolta perlomeno la seconda criticità, l’operatore commerciale avrà a disposizione un’offerta di spazi paralleli da cui sicuramente trarrà grande vantaggio. Diversa è la situazione di La7 che avrebbe tutti i numeri per fungere da battistrada in questi nuovi tracciati web della televisione essendo partecipata dall’incumbent telefonico. Probabilmente paga la propria debolezza finanziaria e le diverse priorità strategiche dell’azionista. E probabilmente paga anche la sovrapposizione con la IPTV di Alice. Modello IPTV che, è bene ricordarlo, in tutta Europa sta soffrendo l’attacco del satellite. In seria difficoltà è, infine, il sistema delle televisioni locali che, salvo fortunate eccezioni, sta patendo – anche al di là dei suoi demeriti – l’infelice congiuntura economica, l’incertezza normativa e regolamentare e la storica propensione all’individualismo che ne limita la visione strategica che, con il digitale terrestre, non può che essere di sistema.

 Se i broadcaster si stanno in ogni caso attrezzando, e anche rapidamente, i produttori di contenuti audiovisivi stanno lentamente svegliandosi dalla  trance persecutoria nei confronti della cosiddetta pirateria da file-sharing. Invece di capire che lo scambio di file su Internet indicava un mercato l’hanno avversato, baloccandosi su cifre di mancato guadagno che avevano del fantastico. Ma le imprese più avvertite si stanno muovendo. Di sicuro nel mondo ma, con il solito gap temporale, anche in Italia.

 Questa la situazione. Ora che fare? Il cinema italiano e la produzione televisiva, grazie ad alcuni capitani coraggiosi, sono in grado di gestire il cambiamento. Già, ma in che direzione? Ognuno per conto suo oppure va fatto un discorso come Sistema Italia, se non Europa? Forse conviene guardare agli USA, dove l’industria dei contenuti e quella degli aggregatori di contenuti su web sono le più forti del mondo. Le Major cinematografiche e televisive fanno parte di grandi Conglomerate Media che legano i vari pezzi della filiera in direzione verticale. I motivi sono noti e attengono la protezione dall’alto rischio di questo tipo di industrie; senza pari nel confronto, ad esempio, con l’industria automobilistica, dell’acciaio, per non parlare di quella alimentare.

 Ebbene, la lezione che hanno tratto da Internet segue due leggi. La prima è quella della Coda Lunga di Anderson, secondo la quale le caratteristiche fisiche di Internet e dei suoi consumatori fanno si che l’area dei ricavi dei contenuti di nicchia pareggi quella degli hit.  La seconda è quella della Piramide Rovesciata che sta per essere codificata e la si può anticipare in questo modo: per raggiungere le nicchie di mercato bisogna presentarsi con un’offerta vasta; è illusorio pensare di costruire una offerta di nicchia, salvo casi eccezionali in cui il mercato di nicchia sia già conosciuto ma a livello globale ed abbia un valore significativo (è il caso, ad esempio, dei Manga giapponesi).

 I tracciati, da cui anche il sistema televisivo locale può trarre qualche insegnamento, sono diversi ma proviamo a riassumerli nei seguenti tre casi.

 1) Il primo è quello dei grandi aggregatori web che hanno conquistato un mercato mondiale e che progressivamente upgradano la loro offerta: iTunes con la musica ha fatto da apripista salvo rimanere chiusa nel suo wallen garden; YouTube sta passando dagli UGC ad una offerta long form e premium. Seguendo i dati Comscore YouTube ha raddoppiato i suoi stream da ottobre 2009 a marzo 2010.

Con questi numeri sul mercato americano  supera il 39% del totale del segmento dell’online video, ma la sua posizione di forza e di dominio è data più che dalla quota di mercato dalla frammentazione delle quote degli altri competitor. Sia iTunes che YouTube tendono  ad accordi con produttori e distributori di contenuti più plurali possibile.

 2) Il secondo è quello dei produttori televisivi che si sono associati in Hulu che è una Joint venture che aggrega i contenuti premium di 3 dei 4 grandi network americani in chiaro, ognuno dei quali è parte di una delle grandi conglomerate media USA: FOX (News Corporation), NBC (prima General Electric ora Comcast), ABC (Disney). Tre grandi network e produttori operanti sul mercato audiovideo più grande del mondo, con una smisurata massa critica di prodotto, si sono aggregati per presentare la loro offerta web, piuttosto che operare ciascuno per conto proprio.

 Hulu si posiziona ormai alle spalle del gigante Googletube con oltre un miliardo di stream al mese. Come YouTube, Hulu si è presentato immediatamente come un videoportale sociale fin dalla nascita: gli oltre 6 milioni di players brandizzati Hulu sono stati embeddati dai navigatori del web su oltre 200 mila siti con una crescita percentuale di oltre il 200% rispetto all’anno precedente. E, sempre come YouTube, i video sono offerti in modalità streaming gratuitamente (lo si potrebbe chiamare un free VOD), nonostante sia una offerta premium pagata dalla pubblicità su cui è applicato un CPM (Costo Per Mille impressions) maggiore di Youtube come conseguenza proprio dell’offerta pregiata.

 Attualmente è in corso di valutazione, da parte del management di Hulu, la possibilità di applicare un costo anche per gli utenti. L’ipotesi al vaglio è quella di uno sdoppiamento del brand con la nascita di un Hulu plus che offra non solo gli episodi dell’ultima serie, ma ad esempio il catalogo totale, extra e dietro le quinte proponendosi come l’erede dei canali via cavo che sono di proprietà delle stesse conglomerate. A differenza di YouTube il servizio del video portale è indirizzato esclusivamente a utenti che si trovano all’interno del territorio americano.

3) Il terzo tracciato è quello che riguarda il mercato web dei movies. I due casi più evoluti, a livello di offerta, piattaforma tecnologica e possibilità commerciali, sono sicuramente Netflix e Vudu. Quest’ultimo, che punta molto sull’Alta Definizione, è stato recentemente acquistato da WalMart. Il protagonismo di grandi reti della distribuzione commerciale nella distribuzione on-line di audiovisivi è una variabile da considerare. E’ di questi giorni la notizia che Best Buy (il più grande rivenditore al dettaglio di elettronica di consumo negli Stati Uniti) ha acquistato CinemaNow, una piattaforma tecnologica  molto simile al servizio offerto da Netflix e Hulu che istallerà sugli schermi televisivi, grazie ad un accordo con LG, con un lettore Blu-Ray internet enabled.

 Questi tre tracciati costituisco gli elementi di quella Piramide Rovesciata di cui si parlava all’inizio che indica all’Italia e all’Europa la necessità di lavorare sui grandi numeri – e non su soluzioni differenziate e divise – per affrontare un mercato che la tecnologia ha reso globale e abituato ad un’offerta nello stesso tempo amplissima e diversificata.

 E’ il bello della sovranità del consumatore che, paradossalmente, si esalta nella concentrazione dell’offerta.

Corecom Lazio: Bilancio di mandato 2008-2013

Il progetto Next-TV

Archivio

Le mie conversazioni su Twitter

fsorofsoro: Rendo merito a @rafbarberio: 4 anni fa mi consiglio' di puntare su cybersicurezza. Scelsi social tv e crossmediale. Aveva ragione anche lui.
13 months ago
fsorofsoro: @lcolda credo abbia fatto suo il progetto di @PaoloGentiloni / @ignaziomarino
13 months ago
fsorofsoro: La tv pubblica olandese lancia un servizio streaming in diretta TV e radio, offrendo l'intero bouquet di canali over-the-top su piu' devices
13 months ago
fsorofsoro: @marcoregni: a dir poco "geniali" :), ma per quel poco che l'ho incrociata si é sempre occupata di quei temi / @IsabellaRauti
13 months ago