Browsing articles from "May, 2012"

Quello che (non) ho: ascolti e social buzz della prima puntata

May 15, 2012   //   by Francesco Soro   //   TV & Media  //  No Comments

Da un approfondimento apparso su Next-Tv stamattina

Oggi non c’è stato blog, quotidiano o mezzo di informazione che non abbia parlato – bene o male che sia – di Quello che (non) ho, di cui ieri sera è andata in onda la prima puntata (di tre, consecutive) su La7. Non potevamo esimerci, in special modo dopo il lungo approfondimento di ieri che lo accostava a Vieni via con me.

Parliamone, allora. Ma non in termini di struttura o contenuti, temi peraltro che hanno già spaccato in due il Paese (e la Rete), quanto rispetto agli elementi che più interessano chi guarda al futuro della televisione: gli ascolti e il buzz sui social network.

curiosi anche voi di sapere se Saviano e Fazio hanno vinto la sfida della prima puntata in TV e sui social network? Ecco il resto dell’articolo…

Agcom, dal web spunta il candidato «tecnico» Prima candidatura via Twitter per un’authority

May 13, 2012   //   by Francesco Soro   //   ICT e innovazione  //  No Comments

Dal Corriere della Sera di oggi

Stefano Quintarelli «sponsorizzato» dalla Rete. Tra i nodi da sciogliere: copyright digitale e frequenze televisive

MILANO – Se mai dovesse riuscire, sarebbe la prima campagna per la presidenza di un’authority cominciata ufficialmente su Twitter e blog. Un passo avanti verso la trasparenza, quale che sia la preferenza individuale. Il caso è quello di Stefano Quintarelli (@quinta su Twitter), uomo “ombra” di molte delle iniziative di governo o parlamentari con la desinenza digitale, la cui candidatura alla presidenza sarebbe giunta sulla scrivania del ministro dello Sviluppo economico, Corrado Passera. Quintarelli, ex imprenditore ora al gruppo Sole24Ore, è considerato persona competente un po’ in maniera trasversale avendo lavorato con Pd, Pdl e Lega, ed era già tra i nomi in circolazione per una delle poltrone da consigliere di nomina parlamentare.

Non tutti al ministero dello Sviluppo sembrano convinti della fattibilità di una candidatura «tecnica», dunque in linea con l’anima di questo esecutivo, ma nella sostanza semi-sconosciuta ai vertici dei partiti. In ogni caso il passaggio chiave rimane quello presso la presidenza del consiglio di Mario Monti, dove peraltro lavora Antonio Catricalà che pure avrebbe pensato alla possibilità di andare all’AgCom. Il tempo comunque ci sarebbe.

Tutti i nomi emersi fino ad ora per la presidenza non sembrano avere chance, per un motivo o per un altro. Alle camere il dibattito sul dopo-Calabrò è previsto per la prossima settimana ma difficilmente il passaggio sarà definitivo, anche perché la norma sul restringimento dei commissari di nomina politica (da 8 a 4) è contenuta nel decreto sulle banche. Una presidenza tecnica sarebbe giustificata invero dalla sempre maggiore complessità dei temi da affrontare quali la transizione delle telecomunicazioni sul digitale, o la difesa del copyright sulla Rete, anche se il lodo politico delle frequente televisive rimane la partita più importante.

Massimo Sideri

TV: servono bundling e nuove forme di misurazione degli ascolti

May 10, 2012   //   by Francesco Soro   //   TV & Media  //  No Comments

In molti ancora oggi sostengono che il canale televisivo tradizionale, combinato con i video online e la carta stampata, sia fondamentale per gli investimenti pubblicitari. Qualcuno crede, invece, che i quotidiani siano ormai morti e che l’unico fattore chiave sia l’online video. Idee, spunti ma – soprattutto – dati utili sono apparsi oggi su un sito americano. Vi riporto l’articolo di Reelseo di oggi  per intero (Metrics and Bundling Key to TV/Online Video Advertising Convergence)

A lot of advertisers will often focus on a single form of advertising when creating a campaign for a client but it turns out, diversification is more vital than some think. The question is, what are the best combinations of advertising. Some reports in the past have said using TV, online video and print combined works best. Some others, like the one I’ll be talking about today, have suggested that print is dead (not in so many words) and that online video is the key. Now the question remains, should it be paired with display or TV or something else?

 

Methodology

Adap.tv and Digiday did some digging and pulled together some numbers together to give you some insight into where you might want to be spreading your advertising dollars. They polled the Digiday user base and got a cross section of online video users that included; agencies, brands, publishers and ad networks or DSPs. There were 638 respondents and they were incentivized with chances to win conference passes and/or the tablet of their choice.

Here’s the break  down.

 

It was conducted in late March and early April of 2012 from the universe of Digiday subscribers, conference attendees and speakers who themselves represent digital media and marketing professionals.

Video Ads + ?? Are Best

Right out of the gate, almost half of the respondents said that online video advertising should be more aligned with TV over display. But 40% did say that display was the right alignment. The remaining 11% thought it might need to be its own medium and that means it would need to be seen completely differently. I think it’s more like a mixture of TV and display in that it’s interactive like display ads but contains far more content per second of viewing, like TV does. If I had been asked, I would have been hard pressed to say one or the other and might have been in that 11% minority.

However, only 10% stated they believed that online video advertising was a replacement for TV advertising, while 62% said it would complement it. That’s an increase of 6% for the latter from 2011 so it shows that people are starting to see the power of a combined TV/online video campaign.

33%, up from 28% in 2010, said it was neither. The report takes that to mean they believe online video stands alone in the minds of those respondents. They didn’t put the actual wording of the question in the report so it’s hard to know if what those 33% meant was that they’re not doing TV advertising because in the report it says, “their use of online video is more likely to be a complement to TV rather than a replacement for TV.” If they’re not doing TV advertising and the question was “do you feel online video complements or replaces your TV advertising?” then the answer would be neither, right?

One Metric to Rule Them All

Yes, I’ve used that sub-header in the past. When I do that, it generally means there’s an ongoing thread in the industry, and in my mind, which needs to be addressed. For example “When is a View a View?” which I think has been addressed but not really ever formalized. There are probably ten uses or variations of that which I’ve used in the last year.

This time round, it’s once again talking about the unification of TV and online video metrics is a unifying factor. Yet, already this year there have been numerous announcements of just that. It could be that the survey was done before some recent GRP announcements starting trickling out as I think they were mid/late April. In fact, another just slid across my desk today from Brightroll who is offering iGRP measurement for in-flight audience statistics.

Regardless, it’s abundantly clear that a comparable metric is required between TV and online video advertising. I do not believe it should ever be the only metric that is taken into consideration because, as I said before, online video advertising has all manner of other things that make it unique like interactivity, but I do believe that traditional TV advertisers do need a way to compare ROI between TV and online video to truly see the value in the latter.

So then the question remains, what is that one metric to bind them all?

Well there’s the rub. It seems that agencies and brands are sort of split on what that should be. Brands want it to be brand engagement, a full 73% of respondents agreed. However, click through, which I think should be important but requires more tracking because I often accidentally click through a video ad trying to pause a video, etc. is still debated amongst them. Agencies say it’s not at all important while brands placed it third. In fact, they think it so important it topped TV-like metrics.

Screen Convergence Beats Metrics Convergence

Much to my satisfaction is the report’s paragraph on connected TV ad spend. If you read my articles often, you know I have been telling everyone to get their ducks in a row and get their video ads out to connected TVs. Did you all listen? If you did you probably got some good rates and probably had ease of getting inventory. Now, it looks like things are going to heat up in connected TV advertising. Both advertisers and publishers jumped in regards to ad spend and support for connected TVs over last year. A full 20% leap for advertisers and a cool 9% more publishers in fact.

Clearly, there is a group that realizes the power of connected TV. The report seemed mystified over why all these people are moving toward it as an additional 38% said it would be in the plan within 12 months. They suggested Apple TV… I like to think I had a hand in it. Did I? Have you or are you working on connected TV advertising because of ReelSEO?

Alright, enough seeking validation for our work and back to the work at hand.

Ad Spend Sands Shifting

Nearly everyone sees ad spend increasing for online video. Brands, agencies and ad networks were almost unanimously together (93%) in their belief that ad spend for online video would increase around 23%. On top of that, 80% of publishers stated average online video ad CPMS saw increases of 11% and 83% of them said ad fill rates for online video ads was up around 14% on average over last year.

Is TV bundled with online video ads? Pfft… Actually the broadcast and cable companies in the mix were split nearly dead center 52/48 on that with the minority saying they do bundle. This is part of what I see as the problem, the cable companies are still fighting online video, as evidenced by their attempts to push Hulu to require pay TV authentication for users instead of openly embracing it and trying to make the most out of the situation. If they were smart, they would be giving consumers reasons to plug those connected TVs into the network to further expand revenue through advertising. As it stands, around 1-in-5 US households has a connected TV, but most don’t connect it to the Internet.

I think that bundling of online video and TV ads could have far-reaching impact on the industry. When combined with things like real-time bidding ad exchanges and cross-network purchasing it could create a marketplace that premium publishers would want to get involved in. Instead, many of them only do private placements of ads through their own ad sales force. If they were able to get top dollar for their inventory through an ad network and RTB exchange they might be willing to loosen up the restrictions on using them. That’s something that the online video ad network industry needs to address but there are numerous other problems that would need to be addressed as well.

Some video ad networks are working on things to help increase ad bundling and metrics convergence already and that’s a step in the right direction. I think that getting major publishers on board and believing they can get top dollar for their inventory through an exchange or ad network is going to be vital to continued growth and might even be the linchpin in bundling TV and online video one day.

TTT05: Twitter e media tradizionali

May 7, 2012   //   by Francesco Soro   //   Media  //  No Comments
Parlare del rapporto tra il microblog e i media tradizionali durante un aperitivo in cinque città italiane, il 26 maggio a Lecce, Torino, Roma, Bologna e Messina.

Il 26 maggio in cinque città italiane si terrà “Twitter Tips & Tricks” un aperitivo formativo sul mondo di Twitter, sul suo utilizzo e su come questo microblog stia imperversando nelle nostre vite grazie anche ai media tradizionali. Il Twitter Tips & Tricks si terrà contemporaneamente in 5 città italiane: Lecce, Roma, Torino, Bologna e Messina. Sarà possibile seguirlo attraverso l’hashtag #TTT05. Cinque perché è la quinta edizione di questo evento mensile, che ogni volta sceglie una argomento nuovo con cui stuzzicare chi deciderà di parteciparvi. L’evento numero cinque sarà incentrato sul rapporto tra Twitter e media tradizionali. Probabilmente tutti hanno notato come molte trasmissioni televisive, specialmente quelle in diretta, incoraggiano l’interazione degli spettatori attraverso l’uso di hashtag codificati. Negli USA è già stato un nome ben preciso a questo fenomeno, si chiama social tv viewing.

TTT05 si occuperà proprio di discutere di questo grazie al supporto di due esperti della comunicazione: Francesco Soro e Marco Stancati. Il primo è avvocato e presidente del CoReCom Lazio e del Coordinamento nazionale del CoReCom, fondatore di NextTV e molto altro ancora. Il secondo è docente di Comunicazione interna e Pianificazione dei media nelle strategie di impresa alla Sapienza di Roma. Insieme a questi ospiti ci saranno i Tweet Angels, ovvero i promotori e coordinatori dell’iniziativa nelle cinque città. Saranno loro a incoraggiare la discussione e a proporre nuovi temi.

Partecipare all’evento non presuppone l’essere esperti di Twitter, bisogna solo avere voglia di conoscere e utilizzare questo strumento e avere a disposizione un device che permetta di farlo in mobilità. Infatti per partecipare occorre iscriversi entro il 23 maggio e poi portare con sé uno smartphone o tablet con connessione. Per riassumere, ogni città avrà i propri moderatori e potrà essere seguita attraverso hashtag dedicati:

  • Torino: #TTT05/To presso About:blank Via Belfiore, 50/A
  • Lecce: #TTT05/Le presso Libreria Ergot Piazza Falconieri
  • Roma: #TTT05/Rm presso Il kino via Perugia, 34
  • Bologna: #TTT05/Bo presso Krisstal Piazza Liber Paradisus, 1
  • Messina: #TTT05/Me

Fonte: Twittertt.com

Corrado Calabrò presenta il “Bilancio di mandato 2005-2012″

May 2, 2012   //   by Francesco Soro   //   ICT e innovazione  //  No Comments

Da un articolo apparso oggi sul Corriere delle Comunicazioni

Presentato oggi il bilancio di mandato 2005-2012 dell’Agcom. Il ritardo italiano nelle infrastrutture vale tra l’1 e l’1,5% del Pil. “Lo sviluppo di un ecosistema digitale è alla base del recupero di produttività”. Ngn: “Non è vero che abbassare il prezzo dell’unbundling spinge la fibra”.

di Mila Fiordalisi

“Il ritardo nello sviluppo della banda larga costa all’Italia tra l’1 e l’1,5% del Pil. Senza infrastrutture a banda ultra larga i sistemi economici avanzati finiscono su binari morti”. Il presidente dell’Agcom Corrado Calabrò, nel presentare oggi il bilancio di mandato (2005-2012) dell’Authority - prossima al rinnovo – ha acceso i riflettori sulle questioni “aperte” e sulla necessità per l’Italia di dotarsi di infrastrutture adeguate non solo a fronteggiare l’esponenziale crescita di dati ma anche per stimolare la ripresa e la crescita. L’appello è al governo ma anche alle telco.

Non solo la telefonia mobile, la quale ha un incremento esponenziale, ma tutti i servizi del futuro prossimo e di quello ulteriore richiedono una rete a banda larga e ultra larga  – si legge nella relazione del Presidente -.   L’internet delle cose segnerà un ulteriore salto di qualità nel consumo di byte”. Dal 2010 – ha ricordato Calabrò –  l’Europa ha un’Agenda digitale, con obiettivi precisi e sfidanti da raggiungere nel 2013 e nel 2020, anche se con una visione un po’ impacciata circa le azioni con cui traguardarli. È ormai un punto fermo che lo sviluppo di un ecosistema digitale è alla base del recupero di produttività, per migliorare la competitività internazionale di un Paese e per creare nuova occupazione qualificata. “L’economia internet in Italia vale solo il 2% del Pil; la stessa stima conduce a valutare l’internet economy del Regno Unito nel 7,2% del Pil”.

“Come osservava il Ministro Passera – ha aggiunto Calabrò – per le infrastrutture è l’offerta a generare la domanda. Quando avremmo costruito le autostrade se avessimo atteso che prima fossero fabbricate le automobili che le avrebbero percorse? Ma non meno importante è lo sviluppo concomitante dei servizi. Infrastrutture e servizi devono fertilizzarsi a vicenda; disponibilità di applicazioni e utilizzo reale devono andare di pari passo, così come l’alfabetizzazione digitale della popolazione. Nella sua segnalazione al Governo e al Parlamento l’Agcom ha dato suggerimenti specifici e mirati, rilanciati pubblicamente da Confindustria Digitale”.

Secondo Calabrò “c’è ancora scarsa consapevolezza delle potenzialità globali delle tecnologie della società dell’informazione; il che relega queste ultime a uno dei tanti strumenti di sviluppo economico, mentre esse possono invece dare una spallata a un sistema imballato. Il settore delle tlc è la chiave di volta della rivoluzione digitale che, abilitando l’innovazione, può cambiare radicalmente i paradigmi dell’economia e della società”.

Determinante il ruolo dell’Agenda digitale “un progetto olistico che non può esaurirsi in una serie non sequenziale di azioni frammentate. Ha osservato la Commissaria Kroes che se l’economia digitale fosse un Paese la sua performance le varrebbe la partecipazione al G-20. Il suo tasso di crescita del 12% annuo supera quello cinese. Nessun altro settore è in grado di accelerare in misura comparabile la crescita e lo sviluppo del Paese, in un momento in cui ne abbiamo assoluto bisogno. Soprattutto per le generazioni future. Non è più tempo di simulazioni, o di iniziative sperimentali. Dum Romae consulitur, Italia regressa est”.

L’intervento di Calabrò è stato un’occasione per delineare la strada futura ma anche e soprattutto per mettere nero su bianco i progetti e le iniziative che hanno segnato i sette anni di mandato dell’Authority in scadenza. Sette anni in cui lo scenario si è completamente stravolto. “Nel 2005, all’inizio del nostro mandato, la prima azienda al mondo per capitalizzazione era Esso corporation. Oggi la prima azienda al mondo è Apple, che capitalizza più di tutta la borsa italiana”, sottolinea Calabrò. E se nel 2005 i social network erano in fase embrionale oggi Facebook conta circa 900 milioni di utenti. “Nati come ‘luoghi’ per mettere in contatto le persone, oggi le reti sociali sono diventate sempre più pervasive, diventando nei fatti la piattaforma di accesso ad altri servizi: leggere notizie, fare acquisti, cercare lavoro, caricare e scaricare file di tutti i tipi, ed anche ricercare informazioni bypassando i motori”.

In appena sette anni, dunque, internet “ha cambiato la faccia e la mentalità del mondo dei media”, dematerializzando servizi e prodotti e “ha cambiato la fruizione stessa dello spazio e del tempo”. Internet, insomma, si configura come “un cambio di paradigma” nella produzione di beni, servizi, cultura e del vivere civile. “Se lo si considera  ‘solo’ come nuova tecnologia se ne perde la portata deflagrante e rivoluzionaria”.

UN PAESE A DOPPIA FACCIA

L’Italia è sotto la media Ue per la diffusione della banda larga fissa, per numero di famiglie connesse a Internet e a Internet veloce e per il commercio online. E siamo fanalino di coda in Europa riguardo alle esportazioni Ict: solo il 4% delle piccole e medie imprese “ovvero la spina dorsale del nostro tessuto produttivo”, dice Calabrò, vendono online, mentre la media Ue-27 è del 12%. Di contro l’Italia è fra le prime economie al mondo nel settore della telefonia mobile: nel nostro Paese il traffico dati  in mobilità ha superato quello voce, grazie alle tecnologie 3G e alla forte diffusione di nuovi terminali, come smartphone e tablet. Siamo il Paese col maggior numero, in Europa, di cellulari e con la maggiore diffusione di apparecchi idonei a ricevere e trasmettere dati in mobilità (smartphone, ipad, chiavette Usb).

SPINGERE LA BANDA LARGA

La disponibilità di infrastrutture broadband e ultrabroadband servirà – sottolinea Calabrò – a sostenere lo sviluppo della telefonia mobile, che marcia a ritmi esponenziali e di tutti i servizi del futuro, in particolare quelli che ruotano attorno all’internet delle cose “che segnerà un ulteriore salto di qualità nel consumo di byte”.  Dal 2010 – ha ricordato Calabrò -  l’Europa ha un’Agenda digitale, con obiettivi precisi e sfidanti da raggiungere nel 2013 e nel 2020, anche se con una visione un po’ impacciata circa le azioni con cui traguardarli. È ormai un punto fermo che lo sviluppo di un ecosistema digitale è alla base del recupero di produttività, per migliorare la competitività internazionale di un Paese e per creare nuova occupazione qualificata. “L’economia internet in Italia vale solo il 2% del Pil; la stessa stima conduce a valutare l’internet economy del Regno Unito nel 7,2% del Pil”.

“Come osservava il Ministro Passera  per le infrastrutture è l’offerta a generare la domanda. Quando avremmo costruito le autostrade se avessimo atteso che prima fossero fabbricate le automobili? Ma non meno importante è lo sviluppo concomitante dei servizi. Infrastrutture e servizi devono fertilizzarsi a vicenda; disponibilità di applicazioni e utilizzo reale devono andare di pari passo, così come l’alfabetizzazione digitale della popolazione. Nella segnalazione al Governo e al Parlamento l’Agcom ha dato suggerimenti specifici e mirati, rilanciati pubblicamente da Confindustria Digitale”.

Secondo Calabrò “c’è ancora scarsa consapevolezza delle potenzialità globali delle tecnologie della società dell’informazione; il che relega queste ultime a uno dei tanti strumenti di sviluppo economico, mentre esse possono invece dare una spallata a un sistema imballato. Il settore delle tlc è la chiave di volta della rivoluzione digitale che, abilitando l’innovazione, può cambiare radicalmente i paradigmi dell’economia e della società”.

Determinante il ruolo dell’Agenda digitale “un progetto olistico che non può esaurirsi in una serie non sequenziale di azioni frammentate – puntualizza Calabrò -. Ha osservato la Commissaria Kroes che se l’economia digitale fosse un Paese la sua performance le varrebbe la partecipazione al G-20. Il suo tasso di crescita del 12% annuo supera quello cinese. Nessun altro settore è in grado di accelerare la crescita e lo sviluppo del Paese, in un momento in cui ne abbiamo assoluto bisogno. Soprattutto per le generazioni future. Non è più tempo di simulazioni, o di iniziative sperimentali”. Calabrò sottolinea inoltre che il rinvio degli investimenti non deve essere imputato all’ “alibi” della mancanza di regole. “Abbiamo provveduto a quanto di nostra competenza dettando per le reti di nuova generazione regole ritenute fra le più complete in Europa”.

PARADIGMA INTERNET

L’intervento di Calabrò è stato un’occasione per delineare la strada futura ma anche e soprattutto per mettere nero su bianco i progetti e le iniziative che hanno segnato i sette anni di mandato dell’Authority in scadenza. Sette anni in cui lo scenario si è completamente stravolto. “Nel 2005, all’inizio del nostro mandato, la prima azienda al mondo per capitalizzazione era Esso corporation. Oggi la prima azienda al mondo è Apple, che capitalizza più di tutta la borsa italiana”, sottolinea Calabrò. E se nel 2005 i social network erano in fase embrionale oggi Facebook conta circa 900 milioni di utenti. “Nati come ‘luoghi’ per mettere in contatto le persone, oggi le reti sociali sono diventate sempre più pervasive, diventando nei fatti la piattaforma di accesso ad altri servizi: leggere notizie, fare acquisti, cercare lavoro, caricare e scaricare file di tutti i tipi, ed anche ricercare informazioni bypassando i motori”.

In appena sette anni, dunque, internet “ha cambiato la faccia e la mentalità del mondo dei media”, dematerializzando servizi e prodotti e “ha cambiato la fruizione stessa dello spazio e del tempo”. Internet, insomma, si configura come “un cambio di paradigma” nella produzione di beni, servizi, cultura e del vivere civile. “Se lo si considera  ‘solo’ come nuova tecnologia se ne perde la portata deflagrante e rivoluzionaria”.

TLC, PATRIMONIO ITALIANO

Dagli inizi del secolo al 2006 – si legge nella relazione di Calabrò – in anni di stagnazione dell’economia italiana, il settore delle Tlc ha continuato a svilupparsi a un tasso superiore al 6% annuo; ha sostanzialmente tenuto,  in rapporto agli altri settori, anche in quest’ultimo triennium horribile.

Il peso del settore sul Pil è oggi del 2,7% e il mobile vale ormai stabilmente più del fisso. Nel corso del settennio – è quanto si evince dal documento di fine mandato – si è duplicato il numero di linee in postazione fissa che forniscono connessioni a banda larga a famiglie e imprese; sedici volte superiore è il numero di utenti che accedono a internet in mobilità. “Il mondo racchiuso nel telefonino, nel tablet, nel palmo di una mano: è questo che vogliamo, ragazzini e adulti”, sottolinea il presidente.  È crescente e consolidata la presenza sul mercato italiano di grandi gruppi multinazionali in aperta competizione, con ricadute positive sull’occupazione, con miglioramento della qualità e con continuo ampliamento della gamma dei servizi offerti. È costante la riduzione della quota di mercato degli incumbent: nel mobile nessun operatore possiede una quota superiore al 35%; nel fisso, nonostante la legacy del monopolio, la quota retail di Telecom è scesa di quasi 20 punti percentuali dal 2005, attestandosi, nella banda larga, al 53%.

Nel contempo le Tlc rimangono l’unico servizio con una dinamica marcatamente anti-inflattiva. La diminuzione dei prezzi finali del settore è stata di oltre il 33% negli ultimi quindici anni, a fronte di un aumento del 31% dell’indice generale dei prezzi. La forbice, quindi, è di oltre 60 punti. Le Tlc rappresentano il solo settore regolamentato in cui i prezzi siano in costante riduzione (ben il 15% solo nel periodo 2005-2010), in vistoso contrasto con i forti aumenti di energia, acqua, trasporti.

“I nostri provvedimenti sulla terminazione mobile, in interazione con la concorrenza, hanno determinato un potenziale risparmio per i consumatori di circa 4,5 miliardi di euro”, puntualizza Calabrò.  La leva dei prezzi è stata utilizzata anche al fine di incentivare lo sviluppo della concorrenza tra operatori infrastrutturati con investimenti efficienti. I prezzi regolamentati dei principali servizi di accesso forniti da TI hanno registrato un aumento a partire dal 2009 “ma sono in linea con la media europea”, puntualizza Calabrò il quale aggiunge che “non è vero che abbassare il prezzo dell’unbundling del rame costituisce una spinta al passaggio alla fibra: se si riducono le risorse vengono meno gli investimenti”.

URAGANO OVER THE TOP

Valorizzare l’innovazione senza comprimere la competizione è tentare ora la quadratura del cerchio, evidenzia Calabrò, secondo il quale “senza una regolazione premiale non c’è incentivo per gli investimenti”.  “Il comparto delle Tlc mentre è chiamato ad investire  nel fisso e nel mobile, non riesce ad appropriarsi del valore atteso in corrispondenza degli investimenti nelle nuove reti. La crescente partecipazione ai ricavi complessivi della filiera delle Tlc  così come dell’audiovisivo, da parte degli Ott è inarrestabile”.

Da una competizione tra gli operatori infrastrutturati per il mercato dell’accesso ad internet si è passati a una competizione tra le telco da una parte e i fornitori di servizi Ott dall’altra. Dopo aver disintermediato il ruolo dei fornitori di accesso su rete fissa, i fornitori di servizi stanno disintermediando anche le reti mobili. La loro azione travalica le strategie regolatorie dei singoli Paesi. Si sta delineando uno scenario in cui il flusso dei ricavi, dei volumi di traffico e degli investimenti sono tra loro scollegati. “È tempo che la Ue focalizzi la propria attenzione su questo sconvolgente fenomeno”.

TELECOM E OPEN ACCESS

“In Europa Open Access è considerato un benchmark, un modello da additare ad esempio; riconoscimenti cominciano a venire, sempre meno timidamente, anche in Italia. La regolazione non potrà non tenerne conto”. Con Open Access è stata attuata la separazione organica della gestione della rete di accesso da quella di commercializzazione dei servizi di TI, assicurando condizioni di effettiva parità di trattamento tra TI e Olo. Ma le sfide che attendono l’azienda non saranno di poco conto. “TI soffre – sottolinea Calabrò – come gli altri operatori ex monopolisti d’Europa. Se soffre di più lo si deve al fatto che sotto il peso dei debiti accumulati per effetto delle varie scalate, ha dismesso buona parte degli asset internazionali, determinando un processo di rifocalizzazione sui mercati nazionali, per cui le attività estere pesano sul fatturato meno rispetto alle prime quindici società europee del settore. L’attuale gestione di TI ha determinato un’inversione di tendenza a tal riguardo”. E tuttavia, considerate le quote prevalenti che la società ancora detiene sui mercati nazionali, “è inevitabile ch’essa risenta della maggiore attenzione cui l’incumbent è, per definizione, doverosamente soggetto nel mercato di riferimento. Non ignoriamo che in Europa qualche Stato è incline a regolamentazioni che tengano in particolare considerazione il campione nazionale per consentirgli di affrontare le sfide mondiali. Con l’evoluzione del settore verso le reti di nuova generazione il problema si ripresenta con una quadratura diversa e in maniera più pressante ma è un problema da affrontare in sede europea”.

LA NEW TV

Il panorama televisivo è destinato a un’ulteriore evoluzione in virtù dell’utilizzazione del dividendo digitale che avverrà con l’asta che sostituirà il beauty contest, che ridefinirà lo spettro in coerenza con la redistribuzione delle frequenze e la razionalizzazione del loro uso prefigurate nella Conferenza di Ginevra del febbraio scorso. Sono gli over the top e la catch-up Tv che stanno contribuendo a disegnare un nuovo modello di Tv ibrida, che ha nella rete la sua piattaforma d’elezione e che cresce rapidamente sia nella raccolta pubblicitaria sia nelle forme di abbonamento. Malgrado il dilagante successo di internet, l’Italia è però tuttora un Paese teledipendente.

LE REAZIONI

La Fiom-Cgil d’accordo con il presidente Agcom sullla necessità di sviluppare reti di nuova generazione per le comunicazioni come strumento per uscire dalla crisi. “Il Presidente dell’Agcom Calabrò, nel suo Bilancio di mandato, ha espresso la sua preoccupazione per il sovraccarico delle reti, specificando che ‘la rete fissa è satura’ mentre ‘quella mobile rischia ricorrenti crisi asmatiche’ – ricorda Fabrizio Potetti, coordinatore nazionale per il settore Ict – Calabrò né ricava giustamente che la necessità di sviluppare reti per le comunicazioni di nuova generazione ‘non è più rinviabile’.”

“Siamo lieti di constatare che Calabrò, nel momento in cui trae un bilancio del settennato passato alla guida dell’Autorità garante per le comunicazioni, afferma quanto già sostenuto dai sindacati dei metalmeccanici e, in particolare, dalla Fiom. Lo sviluppo, sia sotto il profilo della ricerca tecnologica che sotto il profilo della costruzione effettiva, di un’adeguata infrastruttura per le telecomunicazioni è una priorità assoluta per la ripresa economica del nostro Paese”.

“Se vogliamo veramente uscire dalla crisi, uno dei compiti da affrontare non è quello di togliere diritti ai lavoratori – conclude il sindacalista – ma quello di dare concrete infrastrutture alle imprese industriali, a partire da quelle necessarie per la crescita della effettiva possibilità di utilizzare reti adeguate alle attuali esigenze.”

Pages:«12

Corecom Lazio: Bilancio di mandato 2008-2013

Il progetto Next-TV

Archivio

Le mie conversazioni su Twitter

fsorofsoro: Rendo merito a @rafbarberio: 4 anni fa mi consiglio' di puntare su cybersicurezza. Scelsi social tv e crossmediale. Aveva ragione anche lui.
55 months ago
fsorofsoro: @lcolda credo abbia fatto suo il progetto di @PaoloGentiloni / @ignaziomarino
55 months ago
fsorofsoro: La tv pubblica olandese lancia un servizio streaming in diretta TV e radio, offrendo l'intero bouquet di canali over-the-top su piu' devices
55 months ago
fsorofsoro: @marcoregni: a dir poco "geniali" :), ma per quel poco che l'ho incrociata si é sempre occupata di quei temi / @IsabellaRauti
55 months ago